Imparare a sognare con Dio

Concludiamo questa domenica le Giornate eucaristiche proposte dalla Comunità Pastorale, nelle quali siamo stati accompagnati a meditare su alcuni brani del Card. Carlo Maria Martini tratti dalla sua Lettera Pastorale “Attirerò tutti a me” del 1983.

Il mandato missionario, che è affidato a tutti i battezzati ha come scopo di testimoniare Gesù, venuto nel mondo per attirare tutti a sé, così come gli ha domandato il Padre, nel desiderio di vedere i suoi figli amarsi come fratelli e sorelle, partecipando alla salvezza universale.

L’immagine che la Parola di Dio di questa domenica ci ha trasmesso nel brano di Isaia è quella del banchetto, che Dio ha promesso di preparare alla fine dei tempi e che Gesù ha ripreso nella parabola evangelica per descrivere il sogno di Dio nei confronti dell’umanità.

L’Eucaristia è il preludio della realizzazione di questo sogno: riunire tutti i popoli della terra alla festa del banchetto per le nozze tra Gesù e l’umanità, nel superamento di ogni ostacolo e barriera. Ciò significa lasciarsi guidare da Gesù, operando una conversione del cuore, che riguarda tutti: singoli, famiglie, gruppi, popoli, nazioni, in un cammino di comunione, dove le diversità sono considerate ricchezze e non nemici.

Attorno alla mensa si raduna la famiglia per condividere il cibo, ma anche per condividere tutto quello che ciascuno ha vissuto e sperimentato durante la giornata, portandone ricchezza o traendone conforto e incoraggiamento. Così è la mensa eucaristica, in modo particolare quella domenicale, alla quale giungiamo nutrendoci dello stesso Pane, che è il Corpo di Cristo, motivo vero della nostra festa, perché in Esso vediamo il suo dono d’amore per la nostra salvezza e per quella di tutto il mondo.

Non possiamo uscire da Messa ed essere divisi, perseverando nel vivere male e in modo ingiusto le nostre scelte quotidiane. E’ possibile? Sì.

Nei prossimi giorni vivremo la festa di Tutti i Santi e la commemorazione dei fedeli defunti. Invito me e voi a guardare con ammirazione tante donne e uomini, che con fatica e determinazione hanno saputo fare della propria vita un capolavoro ed ora sentiamo essere esemplari per noi. Ringraziamo Dio per averli conosciuti personalmente o attraverso altri e tentiamo di imitarli nelle loro virtù. Potremo essere così anche noi protagonisti del sogno di Dio sull’umanità.

don Sergio

Per consultare o scaricare l’ultimo numero dell’informatore Oltre l’apparenzacliccare qui.

Opera: Banchetto nuziale – Pieter Bruegel il Vecchio – 1568 – Kunsthistorisches Museum, Vienna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: