Ripartire dagli ultimi nello stile del Vangelo – Aggiustare il mondo praticando l’amore

La nostra Diocesi di Milano celebra questa domenica come l’ultima dell’Anno liturgico, nella Festa di Cristo Re dell’Universo, ma anche della Giornata Diocesana Caritas e della Giornata mondiale dei Poveri.

La regalità del Signore Gesù si esprime in maniera rivoluzionaria sulla Croce, dove Egli risponde alle provocazioni, alle violenze e agli insulti con la forza straordinaria dell’umiltà e dell’amore, arrivando a perdonare i suoi carnefici e a promettere di accogliere in Paradiso il ladrone, che aveva avuto compassione di Lui. Le sue braccia aperte sulla Croce confermano la sua volontà di abbracciare tutti gli uomini e le donne dei quali si è preso il carico di debolezze e miserie per salvarle.

Gesù è Re di una umanità perduta, di cui si è fatto servo per amore dimostrandolo in ogni momento della sua vita pubblica, avvicinandosi ed entrando nel cuore dei più deboli, condividendo ogni situazione, fino alla morte, per riscattarli ed offrendo a tutti la vera dignità umana.

Questo insegnamento di Gesù sostiene il nostro cammino e le nostre scelte cristiane, tra cui la scelta del servizio ai poveri promosso dalla Caritas. Così si è espresso il nostro Vescovo Mario nella celebrazione Eucaristica dello scorso 2 luglio in Duomo nel 50° di fondazione di Caritas. “Noi siamo convocati per questa impresa: costruire un modo nuovo per vivere in questa terra, in questa società, in questa città… La Caritas, come tutti gli aspetti della vita della Chiesa, deve essere insieme con Gesù, coloro che indicano la via che può consentire di aggiustare il mondo. Tutto il mondo, tutti gli aspetti della vita invocano un salvatore. Noi che siamo stati salvati siamo voce, siamo seme, siamo profezia di quello che Dio vuole per tutti i nostri fratelli”. Sull’esempio di Gesù siamo invitati a praticare la logica del seme che muore sentendoci parte dell’impresa di aggiustare il mondo praticando l’amore e ciò vuol dire incarnarsi, immergersi nelle problematiche del nostro tempo, dei disagi della gente che incontriamo usando gli stessi sentimenti di Cristo, così come ci ricorda san Paolo scrivendo ai Filippesi.

Io penso che nessuno di noi abbia la pretesa di potere cambiare il mondo, ma tutti dobbiamo imparare a fare la nostra parte con umiltà e con determinazione, sfruttando il tempo e le energie che ci sono date.

In questa domenica verrà dato il mandato ai volontari della nostra Caritas di Luino, che stanno facendo un servizio costante nei confronti di molte persone singole e famiglie bisognose. Le necessità sono molteplici sia a livello materiale che spirituale e umano, per tale motivo è rivolto l’invito, a chi ne avesse la possibilità, di proporsi in qualcuno dei servizi portati avanti dalla Caritas.

don Sergio

Per consultare o scaricare l’ultimo numero dell’informatore Oltre l’apparenzacliccare qui.

Opera: Maestri veneziani, Cristo Pantocratore – XIII secolo – Mosaico – Basilica di San Paolo fuori le mura, Roma

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: